LA CHIMERA di Sebastiano Vassalli

Il libro “La Chimera” è ambientato nel periodo storico che va dal 1590 al 1610. E’ la storia di una ragazza di nome Antonia che per colpa della sua passione d’amore (rivolta per altro alla persona sbagliata) dei pregiudizi, dell’invidia della gente e soprattutto per colpa della follia della chiesa di quell’epoca è stata processata ingiustamente e poi uccisa sul rogo come strega.                    

< Le passioni, le colpe, i delitti dell’umanità restano fissati per sempre.> Carlo Bo

< …Forse c’è ancora da rendere conto di un personaggio di questa storia, in nome del quale molte cose si dissero e molte altre si compirono, e che in quel nulla fuori della mia finestra è assente come è assente ovunque, o forse è lui stesso il nulla, chi può dirlo! E’ lui l’eco di tutto il nostro vario gridare, il vago riflesso d’una nostra immagine che molti, anche tra i viventi di quest’epoca, sentono il bisogno di proiettare là dove tutto è buio, per attenuare la paura che hanno del buio. Colui che conosce il prima e il dopo e le ragioni del tutto e però purtroppo non può dircele per quest’unico motivo, così futile!: che non esiste. Come scrisse un altro poeta di questo secolo ventesimo:”Questi, che qui approdò, / fu perché non era esistente. / senza esistere ci bastò. / Per non essere venuto venne / e ci creò.” > Sebastiano Vassalli

Annunci

7 thoughts on “LA CHIMERA di Sebastiano Vassalli

  1. Bloggointestinale ha detto:

    sebastiano vassalli è una specie di ossessione per me, la chimera pure.

  2. legnocloruro ha detto:

    La superstizione permette ancora oggi alla Chiesa di interferire nella vita di tutti i giorni…
    Non conosco Vassalli, mi documenterò
    bye

  3. rinkoboy ha detto:

    Bel libro.. anche se per far capire la situazione storica l’autore usa troppe pagine a descrivere ambizioni di Cardinali, relazioni amorose e d’affari dei Papi… le torture inflitte agli accusati di stregoneria;
    poi per descrivere l’epilogo sul rogo spende pochissime pagine e il romanzo sembra quasi troncato..
    Nel complesso comunque un ottimo libro, da consigliare 😉

  4. Makino ha detto:

    ma sbaglio o ultimamente stai scrivendo di più???
    Che ti è successo???????????

  5. Blusfumato ha detto:

    Ciao! Se ti va mi lasci nei commenti del mio ultimo post la data del tuo compleanno? Grazie mille ^^

  6. marco ha detto:

    a proposito di:
    Come scrisse un altro poeta di questo secolo ventesimo:”Questi, che qui approdò, / fu perché non era esistente. / senza esistere ci bastò. / Per non essere venuto venne / e ci creò.”

    cara ally
    forse sarebbe da chiedere direttamente a vassalli. credo abbia perfezionato la versione della fonte. in una prima edizione de la chimera vassalli citava genericamente il poeta che per consuetudine si intende dante. ora nelle ristampe specifica poeta del secolo ventesimo.
    sai chi è?
    mi piacerebbe proprio saperlo.

    la storia di antonia non poteva avere finale più eloquente. inizia col nulla e finisce col nulla.
    ciao!
    marco

  7. benedetta ha detto:

    la citazione con la quale vassalli termina il libro è di Ferdinando Pessoa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: